Come Aprire un E-commerce:

Moltissimi clienti ci chiedono come poter avviare un attività di “E- commerce” e soprattutto quali sono gli adempimenti per poter operare in questo settore che negli ultimi anni sta  sostituendo il classico “negozio fisico”.
Per creare un “e – commerce” fondamentale sarà non sottovalutare l’aspetto fiscale infatti sempre più frequentemente la Guardia di Finanza esegue accertamenti sui venditori che si celano dietro fittizie prestazioni occasionali.
Preliminarmente bisognerà verificare il tipo di attività svolta e bisognerà analizzare le modalità di svolgimento.
Infatti, si segnala che, se svolgeremo questo tipo di attività in maniera abituale, l’attività si configurerà come una vera e propria “attività d’impresa”.
Essendo un’impresa a tutti gli effetti sarà necessario procedere con:
– Eventuale costituzione di società mediante notaio (non necessaria in caso di ditta individuale);
– Apertura P.IVA;
– Iscrizione al registro Imprese;
– Presentazione SCIA entro 30 giorni dall’inizio dell’attività;
– Apertura posizione previdenziale;
– Iscrizione al VIES nel caso di operazioni intracomunitarie.
Nel caso in cui, l’attività di e-commerce sia svolta da un soggetto già titolare di partita Iva sarà necessario integrare le informazioni relative alla propria partita Iva all’agenzia delle entrate e fare un ulteriore comunicazione alla CCIA.
Dal punto di vista fiscale il commercio elettronico si suddivide in due tipologie:

Sei pronto ad Aprire un E-commerce?

– Commercio elettronico diretto – in cui il procedimento di acquisto avviene interamente tramite internet e il bene – servizio digitale è immediatamente reso disponibile all’acquirente per il download, senza intervento umano o con un intervento umano minimo (es..: mp3, app, e-book);
– Commercio elettronico indiretto – in cui il procedimento di acquisto avviene in parte tramite internet (ordine iniziale ed eventuale pagamento anticipato), mentre il bene è reso disponibile all’acquirente tramite spedizione fisica.

Alcune Particolarità:

Per il solo commercio elettronico diretto, se si effettuano operazioni verso clienti privati UE (soggetti ad IVA nel Paese del cliente privato) sarà necessario aderire al regime opzionale MOSS ( Mini One Stop Shop), oppure identificarsi in ogni Paese in cui si vende.
Per il solo commercio elettronico indiretto, sarà necessario identificarsi direttamente ai fini IVA in ogni Stato Membro qualora si superino determinati volumi di fatturato per anno solare, che variano da Stato a Stato, da un minimo di Euro 26.353 ad un massimo di Euro 100.000.

Chiedici una consulenza gratuita, saremo lieti di affiancarti nello sviluppo della tua attività.

Lascia un commento

A vostra disposizione