ASPETTI FISCALI PER VENDERE SU AMAZON

Aspetti Fiscali per Vendere su Amazon:

Il processo di digitalizzazione che sta coinvolgendo il nostro periodo storico non può passare inosservato. Per questo motivo un azienda che vuole rimanere competitiva sul mercato non può non considerare l’aspetto relativo al commercio elettronico. Analizzando questo settore i dati statistici sono confortanti, infatti il commercio elettronico vanta numeri di crescita a doppi cifra. Basti pensare che 1,80 milioni di persone nel mondo nel 2017 ha acquistato sul web. A livello mondiale China e U.S.A fanno da padroni con i rispettivi market place di riferimento Amazon ed Alibaba.

 

Aprire la Partita IVA per vendere su Amazon:

Per vendere sulla piattaforma Amazon abbiamo differenti  soluzioni a seconda che:

  • effettuiamo una vendita prettamente occasionale;
  • effettuiamo vendite abitualmente;

Se ci avviciniamo al canale Amazon ed effettuiamo delle vendite saltuarie non avremo l’obbligo di procedere con l’apertura delle Partita IVA ed i correlati adempimenti in camera di commercio.

Sarà comunque necessario effettuare alcuni adempimenti fiscali (tali redditi rientrano infatti nella disciplina dei redditi diversi e quindi vanno dichiarati!!).

Se invece siamo dei venditori abituali dobbiamo partire dal presupposto che l’attività di commercio elettronico è un vero e proprio negozio a tutti gli effetti e quindi si dovrà procedere con l’effettuare tutte le comunicazioni necessarie agli enti di riferimento quali:

  • scia comunale;
  • camera di commercio;
  • apertura P.IVA;

Fondamentale, prima di incominciare sarà valutare mediante con una consulenza approfondita il regime fiscale da adottare alla nostra P.IVA tra:

  • regime ordinario;
  • regime forfettario;
  • regime derivante dalla nuova flat tax (a partire dal 1 gennaio 2019).

Tale analisi risulta fondamentale in quanto l’impatto a livello di IVA potrebbe essere notevole in base al regime prescelto.

Vendere in tutta Europa con Amazon:

Come anticipato in premessa il canale Amazon ti permetterà di internazionalizzare la tua impresa attraverso la vendita dei tuoi prodotti in tutto il mondo. Per far ciò non possiamo tralasciare gli aspetti relativi all’imposizione indiretta connessi alla vendita dei nostri beni fuori dal territorio nazionale.

In via generale, L’IVA viene addebitata a destinazione secondo la normativa del paese di riferimento. Ci sono però delle eccezioni, infatti la particolare disciplina del commercio a distanza prevede che se il venditore non supera all’interno dell’anno di riferimento determinate soglie (varie a seconda dei paesi) applicherà l’aliquota e verserà L’ IVA del suo paese di residenza. In caso contrario (o per opzione nel caso di non superamento della soglia) il venditore dovrà, attraverso una speciale procedura identificarsi nel paese di riferimento o nominare un rappresentante fiscale (Vedere nostri articoli nel Blog).

Siamo a completa disposizione per quesiti ed informazioni: commercialista.solutions@gmail.com

Lascia un commento

A vostra disposizione